Chiama 339 2914073 o 338 7822078 Via Monte di Dio n°14 - 80132 Napoli
Orari di Apertura Lun - Ven: 9:00 - 19:30 Sab: Chiuso

 

Cos’è il Divorzio

Con il divorzio si chiude definitivamente il matrimonio e i coniugi sono liberi di risposarsi.  Il divorzio può essere chiesto dopo 6 mesi dalla separazione consensuale ovvero dopo 12 mesi dalla separazione giudiziale

 

Divorzio a domanda congiunta o consensuale

I due coniugi assistiti dai propri legali sono favorevoli entrambi a procedere .

Primo perché il  divorzio congiunto dura  mediante 3/4 mesi, ha costi legali inferiori .

Divorzio contenzioso

Uno dei coniugi non è concorde pertanto

Anche quando uno dei coniugi non è concorde, lo scioglimento del vincolo matrimoniale può essere richiesto dall’altro.
Il procedimento è dunque definito contenzioso (per mancanza di accordo dei coniugi sulla volontà di divorziare o sulle condizioni di divorzio da applicare) e si svolge innanzi al Presidente del Tribunale che deciderà la sentenza .

Il divorzio giudiziale dura mediante tre/quattro anni in primo grado; ha costi di gran lunga superiori.

Anziché placare gli animi accentua i sentimenti di rancore, rabbia, livore tra i coniugi spesso desiderosi di vendetta. Non favorisce la ripresa del dialogo tra gli ex coniugi che spesso continuano a litigare anche dopo il divorzio.

Come si svolge la procedura?

Prima cosa  ci si rivolge ad un avvocato che si specializzato  di separazioni e divorzi il quale studierà la situazione in  colloquio con i coniugi . Nel divorzio consensuale  i due coniugi posso decidere di avere lo stesso avvocato . L’avvocato provvederà a depositare il ricorso presso il Tribunale. Nel divorzio congiunto il ricorso viene presentato da entrambi i coniugi. Insieme  chiedono al Tribunale di dichiarare lo scioglimento del loro matrimonio (se civile) ovvero la cessazione degli effetti civili del loro matrimonio (se canonico).

Nel divorzio giudiziale, il ricorso viene presentato da un solo coniuge, il Presidente del Tribunale fissa la comparizione delle parti ed il ricorso unitamente al provvedimento del presidente del Tribunale viene notificato all’altro coniuge.

Conseguenze di natura economico, patrimoniale e successoria

Con il divorzio i coniugi non sono più marito e moglie, posso risposarsi, perdono i diritti successori reciproci. Il coniuge che non dispone di mezzi economici sufficienti a conservare il tenore di vita che aveva in costanza di matrimonio ha diritto ad un assegno di mantenimento.

L’importo dell’assegno di mantenimento viene determinato in base al tenore di vita avuto in costanza di matrimonio, ai redditi del coniuge obbligato alla sua corresponsione, alla capacità lavorativa del coniuge beneficiario.

Cos’è la  separazione

La separazione non è chiudere definitivamente il proprio matrimonio , ma è una prima fase che interrompe ma non annulla il matrimonio . Ne sospendono gli effetti in attesa di una riconciliazione o di un provvedimento di divorzio. La separazione, quindi, è una situazione temporanea che però incide sui diritti e i doveri che nascono con il matrimonio. Infatti, intervenuta la separazione, marito e moglie mantengono la qualità di coniugi, ma vengono meno ai doveri di coabitazione e di fedeltà che discendono dal matrimonio e rimane a carico di ciascun coniuge l’obbligo di mantenere, educare e istruire i figli e l’obbligo di assistenza materiale verso il coniuge economicamente più debole. La separazione può essere: – legale: si ha nel momento in cui si chiede l’intervento di un giudice (oppure si ricorre alla negoziazione assistita da avvocato o alla dichiarazione di fronte al Sindaco) e può essere consensuale o giudiziale; – di fatto: non comporta l’intervento di un giudice.